Salta al contenuto principale

Grazie a Rotary Club Bergamo i pazienti fragili fanno le radiografie a casa

In occasione del suo 90? Anniversario, il Rotary Club Bergamo ha donato all?Ospedale Papa Giovanni XXIII un apparecchio che consente di eseguire le radiografie a domicilio, evitando al paziente di recarsi in ospedale per eseguire accertamenti radiografici di primo livello, come per esempio in caso di sospetta polmonite o per escludere fratture a seguito di cadute.

Una piccola ma grande rivoluzione per la qualit? di vita dei malati, specialmente quelli per cui il trasporto in ospedale diventa difficoltoso perch? disabili o con malattie croniche importanti.

La macchina ? contenuta in due valige, facilmente trasportabili nel bagagliaio di qualunque utilitaria. Il montaggio richiede pochi minuti e per funzionare necessita solo di una comune presa elettrica. La macchina infatti ? gi? collegata alla rete dell?ospedale Papa Giovanni, potenzialit? che consente ai radiologi in ospedale di vedere praticamente in tempo reale le immagini radiografiche e formulare una diagnosi.

?La macchina arriver? a casa dei pazienti ?scortate? da due tecnici di radiologia appositamente formati. Posizionata la macchina ed eseguito l?esame, il medico radiologo dal Papa Giovanni si collega con la propria password al server aziendale, legge l?esame, referta lo stesso con firma digitale certificata, e invia la conferma ai tecnici di radiologia ? Giuseppe Bonaldi, direttore del Dipartimento di diagnostica per immagini dell?Ospedale Papa Giovanni XXIII ha spiegato -. Durante il tempo di refertazione, stimato in circa 5 minuti, i tecnici copiano le immagini su CD attraverso un masterizzatore dedicato e stampano il referto appena disponibile, consegnando il tutto al paziente. In totale il tempo medio di esecuzione della prestazione, dal montaggio della macchina alla refertazione, ? di circa 25/30 minuti.?

Al momento la macchina ? in fase di sperimentazione nei presidi esterni del Papa Giovanni, all?Hospice di Borgo Palazzo e nell?Unit? di Riabilitazione specialistica di Mozzo. In futuro la macchina verr? utilizzata anche per eseguire radiografie ai pazienti oncologici seguiti a domicilio attraverso l?Assistenza Domiciliare Integrata, che sono circa 200 ogni anno.

?Superata la prima fase di sperimentazione, vorremmo utilizzare la macchina anche a favore di ospiti di case di riposo convenzionate, che oggi sono obbligati a venire in ospedale per sottoporsi agli accertamenti radiologici, con grande dispendio di tempo e risorse e disagi non secondari sia per gli operatori che per i pazienti ? ha spiegato Simonetta Cesa, direttore della Direzione professioni sanitarie dell?Ospedale Papa Giovanni XXIII e responsabile del progetto.

?Uno studio fatto dall?Azienda Ospedaliera Citt? della salute e della scienza di Torino ha dimostrato che la qualit? delle immagini ? sovrapponibile alle immagini eseguite in ospedale ? ha spiegato Carmine Valentino, gi? direttore della Radiologia del Papa Giovanni e socio Rotary -. Quindi la qualit? della prestazione erogata ? identica, con il vantaggio per i pazienti pi? fragili di non doversi spostare da casa?.

?Ringrazio il Rotary il Rotary Club Bergamo per la vicinanza e la sensibilit? che da anni dimostra verso il nostro ospedale e per questo dono ? ha commentato Carlo Nicora, direttore generale del Papa Giovanni XXIII -. Questa tecnologia ci consentir? di essere ancora pi? vicini alle reali esigenze dei malati, intorno a cui cerchiamo di costruire la nostra rete di servizi, tesa ad un miglioramento continuo della qualit? delle prestazioni offerte?.

?Abbiamo pensato che il miglior modo di festeggiare questo importante anniversario fosse attraverso un gesto che sintetizzasse quello che da novant? anni ? l? impegno della nostra associazione: ?mettersi al servizio della societ? cercando di migliorarne la qualit? della vita, dai giovani agli anziani; pertanto la proposta avanzata dal nostro Socio, dottor Valentino al Consiglio del Club per questo service ? stata prontamente accolta con favore ed entusiasmo ? hanno commentato il Past President del Rotary Club Bergamo Franco Gattinoni e l?attuale Presidente Jean-Pierre Farhat -. Con la donazione dell?apparecchiatura radiologica portatile, il Rotary Bergamo non solo offre un nuovo servizio alla citt? ma soprattutto adempie alla sua funzione di essere promotore di idee perch? questo primo servizio domiciliare pu? essere considerato quale esperimento ?pilota? per permettere - in una societ? nella quale l?aspettativa di vita ? sempre pi? alta ? di implementare i servizi diagnostici a domicilio al fine di creare una vera e propria rete di servizi domiciliari a malati e disabili.??